Motorola e Google: stanno per avere il codice sorgente di iOS e OS X

google e motorola

Si ritorna a parlare di cause legali e della solita guerra tra Android e iOS oppure se la volte vedere in un altro modo, la guerra tra Google e Apple.

Infatti, eccoci qui presento dopo un paio di giorni nel silenzio più assoluto e lontani dalla tante news dedicati alla battaglie legali sui brevetti, ecco che si ritorna di nuovo a parlare di questo argomento.

[banner size=”468X60″]

Se fino ad oggi era sempre la solita Samsung ad attaccare la Apple, questa volta il suo posto lo prende la Motorola. Vi ricordo che questa società ormai è stata acquista a tutti gli effetti dalla Google.

Quindi, ecco che è notizia recente quella che riguarda la richiesta della Motorola di avere il codice sorgente di iOS 6 per analizzarlo e verificarne l’eventuale presenza di violazioni dei brevetti in mano sua.

In realtà, questo tam tam o meglio questa battaglia è cominciata nel lontano 2010 con una serie di denunce reciproche presentate da entrambe le società. In poche parole la Apple ha denunciato la Motorola, che dal canto suo non ha esitato a denunciare la rivale. Va anche detto che questa serie di denunce è andata avanti fino agli inizi di quest’anno. Ai tempi la Motorola accusò, la rivale Apple, per la violazione di sei dei suoi brevetti riguardanti le tecnologie legate:

  • alle antenne wireless,
  • il software,
  • il filtraggio di dati,
  • e in fine la messaggistica

Quindi, la Motorola per essere sicura che queste violazioni non vi sono, chiese l’analisi del codice sorgente di OS X e iOS.

Ovviamente, il battibecco è andato avanti fino al mese di Giugno, quando la società Motorola vince la causa e chiede alla società Apple di rispettare i patti. Quindi, ecco che interviene anche Google a difendere la nuova arrivata, contro il potere della Apple.

Però come c’era da aspettarselo, quest’ultima non risponde alle richieste da parte di Google, effettuate:

  •  il 30 maggio,
  •  il 7 agosto,
  •  il 25 ottobre
  •  e il 6 novembre

Ovviamente, anche in questi casi veniva richiesto proprio il codice sorgente dei due sistemi operativi marchiati Apple.

Risulta anche che nell’ultima domanda presentata, viene richiesto espressamente alla società Apple di indicare una data precisa per la presentazione del codice di iOS e OS X.

Sembra che la data del ultimo termine sia il il 14 Dicembre, prima che la Motorola e la stessa Google portino di nuove accuse.

A questo punto la Motorola e la stessa Google, vogliono accelerare i tempi per poter analizzare le sorgenti, considerando che rimangono ormai quasi due settimane a disposizione per poter effettuare l’analisi del codice.

Poi per chi fosse poco pratico di programmazione, devo dire che le righe di codice che compongono un sistema operativo sono diverse decine di migliaia di righe, ed è comprensibile la preoccupazione delle due società.

Esse temono di non poter completare l’operazione nel tempo rimasto, quindi rischiano di trovarsi di nuovo ad affrontare un processo che dia loro la possibilità di fare quest’analisi.

Ovviamente, non si sa ancora in che maniera verrà eseguita quest’analisi, probabilmente il tutto verrà salvato su un server sicuro estremamente monitorato, con accesso limitato solo al personale ingaggiato per svolgere quest’operazione.

Quindi, ecco che oggi alla ormai triste lista dei attaccanti, per la Apple si aggiunge anche la Motorola.

Continuate a seguirci per scoprire altre novità a riguardo.

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia, cerco ogni giorno di migliorare la mia cultura generale in questi ambiti. A volte mi occupo anche con lo sviluppo di applicazioni mobile e non solo.
Motorola e Google: stanno per avere il codice sorgente di iOS e OS X ultima modifica: 2012-11-25T02:31:15+00:00 da Flavius Harabor