RedPhone: l’app per codificare le tue chiamate

logo RedPhone

Grazie a RedPhone, ritorniamo al nostro classico appuntamento con la presentazione delle varie applicazioni travate nel Play Store e testate da noi di AndoridOS.

Qualche giorno fa, abbiamo trovato l’app RedPhone devo dire che è molto interessante e allo stesso tempo molto utile alla nostra privacy.

Vediamo che cosa si tratta e che cosa sa fare questa applicazione.

[banner]

RedPhone fornisce un canale end-to-end per le chiamate tra di cellulari, proteggendo le conversazioni in modo tale che nessuna fonte esterna possa ascoltarla.

Come potete vedere qui sotto, l’applicazione è molto facile e intuitiva da usare:
screen RedPhone
screen RedPhone

Quindi, grazia a RedPhone è possibile ricevere e fare chiamate utilizzando il proprio numero di telefono, senza essere obbligati a creare un account oppure a usare un’altra scorciatoia per criptare la conversazione.

Infatti, una volta installata l’applicazione, non serve fare nulla di speciale se non dare una password con cui criptare le vostre chiamate.

Tutte le chiamate, fatte attraverso RedPhone, utilizzeranno il dialer e la rubrica dei contatti, presenti di default presente sul vostro device Android. Quindi, non vi servirà nulla in più a quello che avete già installato di default sul vostro cellulare.

L’app RedPhone è un progetto open source, in questo modo chiunque ha l’intenzione di controllare il codice sorgente di questa app, lo può fare liberamente senza nessun divieto o blocco.

L’unico vincolo, anche se non si può definire tale, è il fatto che entrambi i dispositivi, quindi sia il chiamante che il ricevente devono avere RedPhone installato e avviato sul proprio cellulare.

Questo è tutto quello che si può dire su questa app, se la installate RedPhone e se volte partecipare allo sviluppo oppure avere notato dei bug, potete collegarvi a questo indirizzo: https://github.com/whispersystems/redphone/issues

Per scaricare e installare RedPhone, vi basta CLICCARE QUI.

Come al solito, prima di concludere vi invitiamo a seguirci da vicino, per scoprire tante altre novità e news dedicate all’applicazione RedPhone, ma anche per le guide, tutorial, video presentazioni e tanto altro ancora dedicate al caro Android e al suo mondo.

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia, cerco ogni giorno di migliorare la mia cultura generale in questi ambiti. A volte mi occupo anche con lo sviluppo di applicazioni mobile e non solo.
  • nicola

    Molto utile ed interessante.
    Ma spiegatemi cortesemente a che serve registrarsi al Server in usa.
    Forse è su questo che vengono fatti “baciare” i Numeri di cell per poi fare la criptazione?
    e se fosse così si può evitare il server e telefonare criptato ugualmente ??!
    Ciao e bravi

  • ciao nicola,
    allora l’app in se è molto geniale e devo dire che per quello che l’ho usata con alcune persone è valida.

    il fatto è che tutte le applicazioni mobile di questo tipo, cioè: voip, instant messenger etc, etc.. vedi anche whatsapp, hanno bisogno di un server su cui appoggiarsi per gestire il traffico oppure anche alcune particolarità e peculiarità.. come tenere i messaggi fin tanto che l’utente è offline o non raggiungibile…

    quindi, anche in questo caso si ha bisogno del server per poter gestire tutte le funzioni dell’applicazione… quindi, no non si può non usare il server, infatti se guardi qui => https://github.com/whispersystems/redphone/issues => puoi vedere, che se non c’è il server, non funziona come si deve l’applicazione…

    quindi sfortunatamente ti devi basare sul server impostato da loro e non puoi avere la funzione di criptazione senza il server…

    spero di esserti stato utile e resto a tua disposizione, per qualsiasi altra domanda…