Un editoriale al gusto di riassunto e dedicato alla programmazione

Un editoriale al gusto di riassunto e dedicato alla programmazione. Questo è l’argomento che oggi voglio affrontare.

android-studio-logo

Oggi farò una di quelle cose che non faccio abitualmente in queste pagine, cioè dedicare un “editoriale” ad un determinato argomento. Quindi, per essere leggermente diverso dal classico editoriale, ho scelto questo titolo così strano, anche perché come vedrete dietro si nascondono molte cose accadute ultimamente.

Intanto cominciamo dall’evento più atteso dell’anno, cioè il Google I/O 2014, che ha portato con sè moltissime novità, una tra le più attese era la nuova release Android, quindi abbiamo la certezza che tra non molto Android L o meglio Android Lollipop arriverà sui nostri dispositivi mobile più recenti. All’interno di questo post trovate tutte le informazioni su questa nuova release.
Android L porterà con sè moltissime novità, come la Android TV che avrà come sistema operativo quest’ultimissima release di Android.

Però per noi programmatori (si dai un pò programmatore lo sono pure io) e per voi futuri programmatori Android L porterà con sè una grandissima rivoluzione da molti punti di vista. Stiamo parlando di oltre 5000 nuove API, ART e non più Dalvik e soprattutto arriverà entro la fine di quest’anno la prima versione dell’IDE Android Studio. Infatti, in queste ore è stata rilasciata la prima Beta.

editoriale android studio new version

Ovviamente in queste ore anche l’SDK di Android è stato aggiornato e nei prossimi giorni riceverà altri aggiornamenti.

editoriale android sdk new version

Quindi si può dire che la piattaforma Android non ha smesso di crescere e non prevede l’arresto della sua espansione e miglioramento. Se poi pensiamo che l’IDE Android Studio adesso è sempre più completo e ti permette di vedere il rendering della tua app, anche per gli smartwatch o le future Android Tv (come anticipavo prima).

android studio new beta android studio beta

Rimanendo sempre nell’ambito della programmazione o meglio dello sviluppo dedicato alla piattaforma Android, vorrei fare un piccolo resoconto della situazione per i nuovi arrivati o meglio per quelli che vogliono cimentarsi nello sviluppo su questa piattaforma.

Prima di cominciare a pensare allo sviluppo vero e proprio di un’applicazione cominciate prima a conoscere la piattaforma sopra qui volete impegnarvi e  a cui volete dedicate il vostro tempo, le vostre risorse e le vostre capacità. Ovviamente nel nostro caso di tratta del caro robottino Android.

Come prima risorsa per conoscere la storia di Android e tutta la piattaforma, ma anche tutte le altre risorse necessarie potete partire da qui. Pensate queste sono le più recenti slide dedicate ad Android e sono già diventate vecchie nel giro di due mesi. Però vi serviranno per capire come è strutturata la piattaforma e vi daranno tutti gli strumenti necessari per cominciare.

Lo scopo di questo editoriale, è anche quello di ricordavi la strada giusta da prendere per imparare a sviluppare la propria applicazione per la piattaforma Android.

Va detto sin da subito che non potete diventare dei buoni sviluppatori guardando video su Youtube oppure seguendo le guide on-line.
Quindi ecco che in questo caso urge il bisogno essenziale e primario di acquistare un vero manuale. Nelle slide e nel blog ho parlato anche di questo argomento. Va precisato, che molti dei manuali attualmente in circolazione hanno alcuni difetti, in principale l’edizione. Infatti, questa pesa molto sulla scelta del manuale, comunque la regola principale è: più recente è, meglio è. Quindi, all’interno di questo post trovate la lista dei manuali più letti e utilizzati anche all’interno delle università.

In conclusione di questo “editoriale”, oltre a invitarvi a seguire da vicino questo progetto, vi dico che è arrivata l’ora di mettersi sotto e studiare bene la situazione e soprattutto studiare per poter programmare in modo decente. Se imparate a conoscere la piattaforma e arrivate a imparare come sviluppare in modo corretto avrete solo da guadagnare.

Per il momento questo è tutto, ci sentiamo al prossimo editoriale.

Seguiteci anche su Facebook, Google Plus, Tumblr e Twitter, per restare sempre in contatto con noi e con le nostre guide.

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia, cerco ogni giorno di migliorare la mia cultura generale in questi ambiti. A volte mi occupo anche con lo sviluppo di applicazioni mobile e non solo.

Un editoriale al gusto di riassunto e dedicato alla programmazione ultima modifica: 2014-06-28T14:34:15+00:00 da Flavius Harabor