Altri Adware mettono in pericolo Android

Houston abbiamo un nuovo problema di adware su Android e distribuito attraverso le app presenti in Google Game. Ma andiamo a scoprire di che cosa si tratta.

adware app android

Gira e rigira, si ritorna a parlare di sicurezza per Android e soprattutto si parla delle applicazioni malevoli presenti all’interno del Google Play Store. Guarda caso si tratta di applicazioni con all’interno dei adware e non è un caso se anche questa volta si tratta di 3 gaming app.

Che cos’è un Adware?

Per chi non lo sapesse, un adware è un software malevolo che visualizza automaticamente oppure scarica materiale come banner o pop-up pubblicitari senza l’autorizzazione esplicita dell’utente e quando questo è online. Di per se, questo potrebbe sembrare una cosa non malevola, però dovete sapere che in alcuni casi questi banner o pop-up pubblicitari, ti portano ad accettare l’iscrizione a servizi indesiderati, per esempio: sms che ti informano ogni 4 ore come è il tempo, sms con barzellette oppure lo smartphone avvia il browser e avvia la navigazione in siti di vario tipo.

Poi gli adware mettono a repentaglio anche la tua privacy, perché spiano le tue attività, ma si possono portare via dati importanti come la tua mail o quelle che hai salvato nella rubrica, possono portarsi via il numero di telefono e tante altre informazioni. Ovviamente dipende sempre dalla tipologia e dallo scopo con cui l’autore ha sviluppato il suo adware.

Adesso andiamo a vedere chi ha lanciato l’allarme e quali sono queste applicazioni con adware all’interno.

Quali sono le app adware colpevoli?

Secondo i ricercatori in sicurezza informatica della società Avast, le tre gaming app presenti in Google Play Store e che una volta installate portano con loro anche un bel adware, sono: Durak, IQ Test e Russian History. Queste applicazioni sono molto famose e molto scaricate, insieme generano un numero intorno ai 15 milioni di download. Queste tre gaming app con all’interno la sorpresa adware, secondo i ricercatori di sicurezza, sono sviluppate da tre team o persone diverse.

Filip Chytry, uno dei ricercatori Avast impegnato nell’analisi di queste tre applicazioni, ha dichiarato che dopo l’installazione di Durak il dispositivo non da nessun segno di problemi e l’applicazione funziona perfettamente senza generare nessun problema. La stessa cosa vale anche per IQ Test e Russian History. Però questo funzionare alla perfezione e senza problemi, dura finché non si riavvia il dispositivo oppure ad un paio di giorni o una settimana dall’installazione di queste app, si comincia a risentire di vari problemi e si nota velocemente che c’è qualcosa che non va.

Sempre secondo l’analisi dei ricercatori Avast, passati i 30 giorni dall’installazione, questi adware cominciano a fare il loro lavoro in modo pesante, quindi aprono messaggi di spamming in ogni post persino nella schermata di blocco del dispositivo. Molti di questi messaggi hanno anche messaggi particolarmente pericolosi, perché ti invitano a scaricare aggiornamenti che non hai scaricato, aggiornamenti di sicurezza del tuo browser, messaggi che ti avvisano la presenza di immagini/video porno e cose del genere.

Quindi se inconsciamente l’utente crede e clicca sopra tali avvisi, ecco che questo verrà mandato in pagine malevoli e molto pericolose, molte di loro hanno lo scopo di farti firmare abbonamenti a servizi di SMS.

Poi come dicevo prima, queste gaming app all’interno hanno un adware programmato a raccogliere anche i dati personali degli utenti.

Concludiamo con un’ultima dichiarazione da parte di Filip Chytry, infatti esso dice di gli sviluppatori di queste applicazioni con adware nel cuore, hanno fatto anche un ottimo lavoro di ingenerai sociale visto che le app incriminate il più delle vote ti mandano su Google Play Store e ti consigliano applicazioni per la sicurezza e la protezione del dispositivo legali e sviluppate dalle varie società di sicurezza informatica.

Conclusione

Lo so che dopo questo ennesimo caso di adware i complottisti e alcuni #FanBoy cominceranno ad attaccare la Google perché non tiene sotto controllo il market Google Play Store, però devo informare queste persone che non è colpa della Big G. Perché è il più delle volte è impossibile analizzare tutte le applicazioni presenti nel market, ma soprattutto diventa impossibile score le app con adware all’interno, visto che moltissime applicazioni free dedicano una parte della scherma ha banner pubblicitari e questo può ingranare l’analisi e il filtraggio di queste app. Con quest’ultima affermazione non voglio difendere a spada tratta Google e il suo operato, però da programmatore so che se le mie intenzioni sono quelle di fare del male agli utenti che decidono di utilizzare la mia applicazione/software/sito web ed altro, posso sicuramente trovare il modo di farlo in modo tale che nessuno se ne accorga delle mie intenzioni malevoli.

Insomma per proteggersi da questi attacchi, noi utenti dobbiamo stare attenti a quello che scarichiamo.

Un’altra soluzione è quella di installare alcune applicazioni come: Clean Master, CM Security AppLock Antivirus e Avast Mobile Security & Antivirus; il più delle volte vi salveranno la privacy e i dati, oltre a farvi dormire sogni tranquilli.

Per il momento questo è tutto, continuate a seguirci da vicino per altre news e dettagli sulla sicurezza di Android e delle sue applicazioni.

Seguiteci anche su Facebook, Google Plus, Tumblr e Twitter, per restare sempre in contatto con noi e con le nostre guide.

{{VIA: thehackernews.com}}

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia, cerco ogni giorno di migliorare la mia cultura generale in questi ambiti. A volte mi occupo anche con lo sviluppo di applicazioni mobile e non solo.

Altri Adware mettono in pericolo Android ultima modifica: 2015-02-05T10:08:26+00:00 da Flavius Harabor