Google aiuterà gli utenti e gli sviluppatori

Il nuovo servizio marchiato Big G si chiama Google Trial Run Ads, servizio che aiuterà gli utenti finali e gli sviluppatori stessi.

Come vi chiederete voi?
Attraverso il servizio Google Trial Run Ads gli utenti potranno “scaricare” o meglio utilizzare al volo le applicazioni presenti nei vari banner pubblicitari di altre applicazioni. Si potrebbe anche dire che Google Trial Run Ads è un servizio rivale al Amazon Underground. Dico rivale, solo perché entrambi i servizi hanno lo scopo finale di aiutare l’utente a scegliere l’applicazione che fa per lui e allo stesso tempo aiutano gli sviluppatori a monetizzare.

Google Trial Run Ads

Perché Google Trial Run Ads?

Il servizio Google Trial Run Ads nasce dopo uno studio di settore e accurato da parte di Google, che ha notato che quasi il 25% delle applicazioni scaricate dagli utenti non vengono utilizzate in modo continuo, ma restano la ad ammuffire sui dispositivi mobile. In questo modo l’utente avrà si il tempo per testare l’applicazione e decidere se questa è veramente valida, mentre gli sviluppatori guadagneranno visibilità e anche denaro ovviamente se l’utente decide di utilizzare la loro applicazione.

Come funziona Google Trial Run Ads?

Il servizio in se non è una novità sul mercato, si perché la nVidia offre già un servizio analogo ai propri utenti. Google Trial Run Ads è sostanzialmente un servizio di streaming per le applicazioni mobile. In 60 secondi (secondo noi sono un pochi, potrebbero fare almeno 120 secondi) l’utente potrà testare l’applicazione, con un timer situato nella parte alta dello schermo che indicherà il tempo che rimane.

Mentre per gli sviluppatori, la Big G ha pensato di introdurre nel servizio Google Trial Run Ads una serie di strumenti per creare gallerie dinamiche negli ADS oppure una sorta di gratta e vinci virtuale con cui accedere a particolare promozioni.

Va subito detto che Google Trial Run Ads è in fase beta test, quindi ha un numero limitato di inserzionisti ed è riservato a pochi prescelti, però molto probabilmente questo divetterà un nuovo standard per gli ADS dentro le applicazioni per Android e darà agli sviluppatori una possibilità in più di farsi conoscere dai loro potenziali clienti.

Che cosa ne pensate di questo nuovo servizio marchiato Google?
Seguiteci anche su Facebook, Google Plus, Tumblr e Twitter, per restare sempre in contatto con noi e con le nostre guide.

VIA

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia, cerco ogni giorno di migliorare la mia cultura generale in questi ambiti. A volte mi occupo anche con lo sviluppo di applicazioni mobile e non solo.

Google aiuterà gli utenti e gli sviluppatori ultima modifica: 2015-12-06T10:15:51+00:00 da Flavius Harabor