Non comprate smartphone cinesi

“Non comprate smartphone cinesi”, questo è quanto hanno affermato i vertici della sicurezza USA, nientepopodimeno che: FBI, CIA, NSA e il capo dell’intelligence.

Non comprate smartphone cinesi

Non è uno scherzo, stando a quanto riportato da varie testate giornalistiche del settore e poi dalla stessa ANSA.it, i vertici della sicurezza USA hanno lanciato l’allarme al Congresso, alle istituzioni e ai cittadini americani.

Con fermeza invitano tutti a non comprate smartphone cinesi, da gruppi come Huawei o ZTE, perché stando al loro raporto e le loro indagini rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale.

Il sig Chris Wray direttore dell’FBI, dichiara: “Il rischio principale, è quello di permettere a società vicine al governo di Pechino di infiltrarsi nella rete TLC USA, con la possibilità di rubare o modificare informazioni e di fare spionaggio”.

Ovviamente in questa “guerra” e lotta alle streghe, non poteva mancare una risposta da parte della società Huawei: “Siamo consapevoli delle tante attività del governo americano finalizzare a ostacolare il business di Huawei nel loro mercato. Ma abbiamo ottenuto la fiducia da governi e consumatori in 170 Paesi in tutto il mondo. Non portiamo rischi di cybersicurezza, non più di ogni venditore di soluzioni informatiche e di comunicazione”.

Conclusione:

Fa molto ridere questa notizia o meglio l’invito di non comprate smartphone cinesi, fatto dai vertici della sicurezza USA. Fa ridere perché coloro che lanciano l’allarme sono i primi ad essere accusati di aver spiato mezzo mondo, accordandosi con le varie mega aziende USA che oggi operano in giro per il mondo.

L’iniziativa fa ridere ancor di più, quando vai a vedere che in realtà società come la Apple, Motorola, Google e Microsoft, che hanno scelto di entrare nel mercato mobile anni fa, hanno spostato la produzione dei loro dispositivi direttamente in Cina o paesi asiatici amici dei cinesi. Poi è ancor più divertente la situazione, quando pensi che la Motorola oggi esiste ed è ancora viva grazie all’acquisizione da parte della Lenovo, società molto cinese e con sede a Pechino.

Insomma qua mi pare tanto che qualcuno ha la coda di paglia, voi non lo pesate?

Per il momento questo è tutto, aspettiamo la risposta a questa domanda e le vostre impressioni nei commenti qui sotto.

Seguiteci anche su Facebook, Google Plus, Tumblr, Twitter e Telegram, per restare sempre in contatto con noi e con le nostre guide.

Non comprate smartphone cinesi ultima modifica: 2018-02-15T12:08:06+00:00 da Flavius Harabor

Da sempre appassionato di informatica e tecnologia, cerco ogni giorno di migliorare la mia cultura generale in questi ambiti. A volte mi occupo anche con lo sviluppo di applicazioni mobile e non solo.